Atitech - Beyond flight
Cerca
Close this search box.
IT

Atitech finanzia il master in Aviation Industry alla Sapienza

Condividi su:

le altre notizie

Giunge al suo quarto appuntamento l’iniziativa solidale promossa da Atitech.

Sul numero di dicembre di «Inside Sustainability» è apparso uno

Anche quest’anno Atitech è sponsor dell’evento di gala MAK π

blank
Atitech finanzia il master in Aviation Industry alla Sapienza

Atitech finanzia l’erogazione di borse di studio per il Master di II livello “Aviation Industry Management and
Operations” promosso dal Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale della Sapienza Università
di Roma. Atitech, in qualità di full partner, sarà anche parte del Comitato tecnico esecutivo del Master con
il compito di selezionare i candidati che parteciperanno al corso.

“È un onore essere partner della Sapienza in questo percorso didattico e poter così offrire a giovani di
talento opportunità di formazione in linea con le esigenze di un settore tecnologicamente avanzato come
quello aeronautico” – dichiara Gianni Lettieri, Presidente e Amministratore Delegato di Atitech. –
“Investiamo nel dialogo tra sistema produttivo e mondo accademico perché crediamo nel valore che i
giovani possono esprimere per vincere le sfide dell’innovazione e garantire all’Italia nuovi primati nelle
discipline STEM”.

Il Master, presentato oggi presso la sala del Chiostro della Facoltà di Ingegneria Civile e Industriale de La
Sapienza, vedrà in cattedra numerosi autorevoli professionisti ed esperti dell’industria aeronautica.
L’obiettivo del corso, che partirà a febbraio 2024 e durerà dodici mesi, è quello di fornire ai partecipanti gli
strumenti necessari per migliorare le proprie competenze tecniche e manageriali, acquisire una
comprensione sistemica dell’industria aeronautica, approfondire gli ultimi progressi tecnologici, tra cui
"Business Intelligence e intelligenza Artificiale" e rispondere alle sfide post-pandemiche che hanno avuto un
forte impatto sul settore.

La collaborazione con la Sapienza si aggiunge a quelle già avviate da Atitech con le università napoletane, la
Federico II e la Parthenope.